Notizie dalla Regione

In primo piano

Rupuliamo la campagna

Anche Cia - Agricoltori Italiani Ferrara partecipa all'iniziativa "Ripuliamo la campagna", organizzata da Cia - Emilia Romagna con la collaborazione di Cascina Pulita. Venerdì 20 aprile, a partire dalle 10.30, gli agricoltori saranno sulla Strada dei Colombacci - tra Codigoro e la Riserva Naturale del Bosco della Mesola - per raccogliere i rifiuti che vengono abitualmente abbandonati nei campi e lungo i fossi. L'iniziativa punta a sensibilizzare i cittadini contro il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti nelle campagne e a sottolineare il ruolo degli agricoltori, impegnati ogni giorno per la tutela dell'ambiente, soprattutto in zone come il Parco del Delta del Po dove è fondamentale proteggere l'ecosistema.

Ultime notizie

Sicurezza degli alimenti

Agricoltori garanti della sicurezza alimentare
Il report annuale del Ministero della salute indica che quasi il 100% degli alimenti non contiene residui di fitofarmaci dannosi per la salute

«Permane ancora, nella nostra società, l’immagine di un agricoltore che fa un uso massivo di trattamenti agronomici, indifferente all’ambiente o alla salubrità dei prodotti che immette sul mercato. Ma si tratta di un pensiero fuorviante e ideologico – commenta Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara - smentito dai dati diffusi dal ministero della Salute sui residui di fitofarmaci negli alimenti: assenti nel 99,2% dei prodotti analizzati».

Leggi tutto...

Per la floricoltura servono più sostegno e investimenti
In Italia rappresenta il 5% della produzione agricola, ma si tratta di un settore in difficoltà, con i produttori del Nord che chiedono un sistema di incintivi più incisivo e strutturato

Forte concorrenza, mancanza di incentivi e una filiera che penalizza la produzione. Cia - Agricoltori Italiani Ferrara fa il punto sul settore florovivaistico che in Italia, secondo l’Istat, vale 2,6 miliardi di euro – il 5% della produzione agricola – e coinvolge 14.000 imprese che producono fiori e piante in vaso e 7.500 destinate alla produzione di alberi e arbusti. L’Emilia-Romagna, con una Plv di circa 15 milioni di euro, è lontana dai livelli produttivi di una regione vocata come la Liguria, ma fa parte di un’area produttiva del Nord che sta vivendo una fase difficile, alternata a lievi segnali di ripresa.

 

“Non sono tutte rose e fiori”, dunque, come spiega Michele Boarini, produttore ferrarese di Cia Ferrara, che dal suo impianto di 15.000 mq a Voghiera produce ed esporta piante ornamentali in vaso.
«Ho aperto l’azienda vent’anni fa – spiega Boarini – continuando l’attività di famiglia, grazie ai contributi concessi al settore florovivaistico. In questo lasso di tempo siamo cresciuti, abbiamo differenziato l’offerta, grazie a un buon assortimento varietale e prodotti di nicchia, e cercato di produrre in maniera sostenibile. Abbiamo installato, infatti, un impianto fotovoltaico di 600 mq e una centrale termica alimentata a cippato di pioppo. Utilizziamo, inoltre, l’acqua piovana per l’irrigazione - che viene raccolta in un lago artificiale e disinfettata biologicamente - e un sistema di controllo computerizzato della climatizzazione per la prevenzione “naturale” delle malattie fungine. Investimenti ingenti che non sono stati ripagati: i bilanci sono in pareggio, la manodopera è onerosa e stiamo subendo una forte concorrenza sia dai paesi produttori esteri, che dalle regioni del Sud Italia dove i Psr (Piani di Sviluppo Rurale) hanno favorito il settore e la piaga del lavoro nero abbassa i costi di produzione.

 

Una situazione comune a molte aziende, nonostante l’Italia sia il secondo paese per la produzione floricola dopo l’Olanda. «Gli sbocchi commerciali abituali sono Gdo, Garden center e negozi di fiori al dettaglio, ma queste filiere sono poco “virtuose” perché penalizzano i produttori. Nel 2017 abbiamo acquistato un Garden nel bolognese, un sistema distributivo più redditizio perché c’è una gestione diretta dell’offerta e la filiera è cortissima. Ma non tutte le aziende, soprattutto quelle di piccole dimensioni, possono permettersi di farlo. Quello della floricoltura è un problema strutturale e per risolverlo servirebbe un sistema di incentivazione serio, che consenta di fare reddito e innovazione. Anche il Bonus Verde - una detrazione fiscale del 36% per la sistemazione del verde privato e storico, fino a un massimo di 5000 euro - è una buona misura, che si spera possa avere un impatto economico, ma la sua dimensione è troppo limitata. Certo – conclude Boarini – meglio di niente, soprattutto perché può aiutare a combattere l’evasione fiscale, ma ho dei dubbi sul fatto che possa far ripartire, da sola, il settore florovivaistico».

 

consulta la Guida per una spesa a filiera corta!

Agriturismo

Gli agriturismi dell'Emilia-Romagna associati Cia

Compro e Vendo

mercatino dell'usato agricolo emiliano-romagnolo

Joomla templates by Joomlashine