Notizie dalla Regione

In primo piano

Rupuliamo la campagna

Anche Cia - Agricoltori Italiani Ferrara partecipa all'iniziativa "Ripuliamo la campagna", organizzata da Cia - Emilia Romagna con la collaborazione di Cascina Pulita. Venerdì 20 aprile, a partire dalle 10.30, gli agricoltori saranno sulla Strada dei Colombacci - tra Codigoro e la Riserva Naturale del Bosco della Mesola - per raccogliere i rifiuti che vengono abitualmente abbandonati nei campi e lungo i fossi. L'iniziativa punta a sensibilizzare i cittadini contro il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti nelle campagne e a sottolineare il ruolo degli agricoltori, impegnati ogni giorno per la tutela dell'ambiente, soprattutto in zone come il Parco del Delta del Po dove è fondamentale proteggere l'ecosistema.

Ultime notizie

Sicurezza degli alimenti

Agricoltori garanti della sicurezza alimentare
Il report annuale del Ministero della salute indica che quasi il 100% degli alimenti non contiene residui di fitofarmaci dannosi per la salute

«Permane ancora, nella nostra società, l’immagine di un agricoltore che fa un uso massivo di trattamenti agronomici, indifferente all’ambiente o alla salubrità dei prodotti che immette sul mercato. Ma si tratta di un pensiero fuorviante e ideologico – commenta Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara - smentito dai dati diffusi dal ministero della Salute sui residui di fitofarmaci negli alimenti: assenti nel 99,2% dei prodotti analizzati».

Leggi tutto...

Il lavoro dei coadiutori reso inefficace dalla burocrazia
Per operare sui territori più colpiti occorre fare richiesta e attendere tre giorni per intervenire. Un meccanismo che rende difficile bloccare i danni che finiscono per pesare sul reddito degli agricoltori e la sicurezza idraulica del territorio

FERRARA - «Gli agricoltori sono stanchi di pagare il conto dei danni causati da una popolazione di nutrie fuori controllo, una situazione provocata da un sistema di contenimento che non funziona, bloccato da burocrazia e ideologie ambientaliste». Romano Tonini, agricoltore argentano di Cia Ferrara e uno dei coadiutori volontari più attivi, spiega cosa significa avere a che fare ogni giorno con un problema grave, che sembra non trovare una soluzione efficace e finisce per pesare sul reddito dell’azienda e sull’equilibrio idrogeologico del territorio.

 

«Parlo – continua Tonini – a nome di molti agricoltori che lavorano ad Argenta e nelle Valli del Mezzano e posso tranquillamente affermare che siamo arrivati a un livello di esasperazione non più sopportabile. I danni provocati dalla nutrie sono ormai un problema “strutturale”, aggravato recentemente dal divieto di abbattimento durante il periodo di ricerca del noto criminale che sembrava nascondersi in questi territori. Per un certo periodo il lavoro dei coadiutore ha avuto una certa efficacia, perché si poteva uscire facendo una semplice chiamata e dunque prevenire o intervenire con tempestività su segnalazione di agricoltori e cittadini. Attualmente, invece, occorre chiamare la Polizia provinciale per chiedere l’autorizzazione, che può metterci tre giorni ad arrivare, poi occorre allertare anche i Carabinieri perché le persone sentono gli spari e li chiamano, dunque si tratta di evitare interventi inutili da parte delle forze dell’ordine e spreco di risorse. Un iter – conclude l’agricoltore - che finisce per dissuadere anche i coadiutori più convinti: volontari che spesso hanno un’attività da condurre e dovrebbero essere liberi di gestire il tempo dedicato al contenimento.»

 

Cia – Agricoltori Italiani Ferrara si impegnerà nei prossimi mesi a chiedere una semplificazione per facilitare il lavoro dei coadiutori. «Attendere tre giorni prima di poter intervenire su una popolazione di nutrie – dice Stefano Calderoni, presidente provinciale Cia – significa lasciare che continuino a fare danni indisturbate. Se moltiplichiamo questo tempo per le molte zone dove sono presenti, l’entità di questi danni aumenta in modo esponenziale ed anche i costi a carico degli agricoltori. Voglio ricordare che questi animali, peraltro non autoctoni, rovinano le colture – adesso è il turno dei seminativi, il grano in particolare – erodendo il reddito delle aziende agricole ma anche argini, capezzagne e fossi che sono gli stessi agricoltori a dover ripristinare.
Ma si tratta soprattutto di una questione di sicurezza: quella delle persone, visto che i danni alle opere idrauliche portano a squilibri idrogeologici e quella degli operatori, che lavorano con mezzi agricoli pesanti e vedono letteralmente “franare” la terra sotto di loro. Una duplice situazione di pericolo concreto che non può più essere tollerata».

consulta la Guida per una spesa a filiera corta!

Agriturismo

Gli agriturismi dell'Emilia-Romagna associati Cia

Compro e Vendo

mercatino dell'usato agricolo emiliano-romagnolo

Joomla templates by Joomlashine